PROGETTO GAIA: ENERGIA DIRETTAMENTE DAL MOTO ONDOSO

     Grazie alle intuizioni del sign. Vito Antonio Catinella, ed alla C.E.S.E. (Centro di ricerca per i servizi pubblici e l’energia) che è una società legata al politecnico di Bari , ed alla Puglia energie alternative s.r.l. Che hanno creduto alle intuizioni di questo brillante signore. Si sta portando avanti uno dei più promettenti progetti di ottenimento di energia da fonti naturali ed in maniera ecosostenibile. Questa iniziativa  si chiama: PROGETTO GAIA. 

     Questo progetto, consiste nell’ottenere un notevole quantitativo di energia sfruttando direttamente il moto ondoso del mare, tramite congegni meccanici. Ma vediamo nel concreto in cosa consiste tale interessante iniziativa:

     Il progetto GAIA consta nella creazione di un mega-impianto in grado di fornire una notevole quantità di energia. Questo impianto è caratterizzato da tre parti:

– Una parte è  composta da una struttura meccanica galleggiante realizzata in acciaio inossidabile anticorrosivo ed inoltre inaffondabile, perché è una struttura basata sul doppio scafo. In essa vi sono posti numerosi elettromagneti i quali hanno un sistema integrato in grado di far raddoppiare la potenza ottenuta. Questa struttura è collegata ad un’altra struttura cilindrica che svolge una duplice funzione: oltre ad un’ulteriore azione anti-ribaltamento, svolge anche quella di ancorare tutto il mega-impianto al fondo marino. Possiamo dire che questa struttura ha un complesso sistema di ancoraggio che permette, appunto un ancoraggio “intelligente” al fondo marino in grado di far muovere tutto il mega-impianto quel tanto che serve per la produzione di energia.

– Una seconda parte consta di un traliccio posto sulla struttura meccanica precedentemente descritta anch’esso in acciaio inossidabile anticorrosivo. E costituito in modo che l’azione del vento non provochi alterazioni anomale al funzionamento del mega-impianto.

– Alla sommità di questo traliccio, tramite un giunto cardanico è posto un pendolo anch’esso corredato dalla presenza di numerosi magneti anch’essi al neodimio. Il “sistema traliccio” interagisce con gli elettromagneti tramite induzione elettromagnetica.

     All’interno della struttura fluttuante vi sono inoltre altri complessi sistemi che arricchiscono e diversificano ulteriormente le potenzialità del mega-impianto. Questi sistemi permettono:

   L’accumulazione di energia nelle ore notturne. Ore nelle quali si sa lo sfruttamento energetico da parte della popolazione è sensibilmente ridotto rispetto alle ore diurne.

   La possibilità di ottenere idrogeno

   La possibilità di ottenere acqua potabile sempre, quindi utilizzabile dalla popolazione mediante il processo dell’osmosi inversa.

     Tutto il mega impianto consta di numerosi cavi in grado di portare l’energia prodotta sulla piattaforma, alla terra ferma.

Tiziano Taiti

PROGETTO GAIA: ENERGIA DIRETTAMENTE DAL MOTO ONDOSOultima modifica: 2008-12-10T11:00:00+00:00da tito753
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Oceanografia, tecnologie ed attività biocompatibili e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a PROGETTO GAIA: ENERGIA DIRETTAMENTE DAL MOTO ONDOSO

Lascia un commento